“Per me giocare, camminare, respirare è difficile”: a pronunciare queste parole è Ginevra

È più semplice per te mandare un sms che per Ginevra fare un solo respiro. Non restare immobile!”

Sì, recita proprio così il claim della Campagna di raccolta fondi per la ricerca sulla terapia genica , promossa dall’Associazione “Centro Dino Ferrari”.

Ginevra dice nello spot: “Per me giocare, camminare, respirare, è difficile!”

Ma chi è Ginevra?

Lo racconta mamma Barbara:

Ginevra è nata a luglio 2010, i suoi primi mesi sono stati “normali” tanta gioia in casa per il suo arrivo, tanti sogni per lei, come fanno tutti i neo genitori. Poi è arrivato il suo primo Natale, che abbiamo festeggiato a San Martino, e proprio lì che ho iniziato a notare qualcosa che non andava nei suoi piedini. Quando siamo rientrati dalle ferie ci siamo attivati per farla visitare da uno specialista, ed è iniziata la nostra “nuova vita”.

È stato sospettato subito che si trattasse di una malattia genetica e molto seria, a maggio la diagnosi “Smard 1“. Non avevamo idea di cosa si trattasse, mai sentita nominare, abbiamo iniziato a studiare la malattia, se esistevano cure, ma nulla trovavamo solo la frase “ad esito infausto”. La bambina come sintomi era diversa dalle altre Smard, anche se le informazioni erano poche, siamo pochi casi in Italia, e tutti diversi. Il primo anno è stato durissimo, la paura era presente ogni secondo nelle nostre giornate, perché non sapevamo nulla sulla malattia né come poterla combattere. Il primo anno e mezzo della nuova vita è passato cercando di capire cos’è la Smard e quali fossero i centri di riferimento migliori. Lei anche se non camminava, cresceva tranquilla e anche noi. Il sintomo peggiore è il distress respiratorio e lei respirava benissimo senza ausili.

Poi in questi anni, grazie alla nostra associazione, abbiamo trovato la strada giusta per farla seguire. Oggi “Gingi” per respirare ha bisogno del ventilatore per 24 ore al giorno, anche a livello motorio è peggiorata, ma è una bambina felice, piena di energia e voglia di farcela, io e mio marito viviamo per lei, siamo le sue braccia, le sue gambe e nei momenti peggiori, siamo anche il suo respiro. Per lei un semplice raffreddore può diventare un vero incubo. La nostra casa spesso diventa un vero ospedale, ambu, macchina della tosse, aspiratore, sondini, c’è di tutto in giro.

Eppure siamo felici, la Smard ci ha tolto tanto ma ci ha fatto riscoprire la gioia delle piccole cose.

Sostieni la ricerca sulla Terapia Genica per la SMARD1

INVIA UN SMS O CHIAMA AL

 

45595

Rimani aggiornato, iscriviti alla nostra

Newsletter